Domande Frequenti 

Formazione Esperienziale

Chi può ricorrere alla formazione esperienziale?

Tutti. A livello aziendale i nostri clienti sono dei settori più disparati: manifatturiero, metalmeccanico, alimentare e dei servizi.
A livello individuale, le metafore ed esperienze proposte sono sperimentabili con sicurezza da un ampio target in termine di genere, età e forma fisica. Assicuriamo un piacere e una gradevolezza nel vivere l’esperienza. La metafora che verrà scelta dovrà pertanto essere condivisa e accettata dai partecipanti per farli sentire a proprio agio e favorire un completo coinvolgimento.​

01

02

03

04

05

Quando è consigliabile ricorrere alla formazione esperienziale?



Le metafore sono particolarmente indicate come metodologie di Team Building e di miglioramento individuale. Ogni metafora ha specifiche finalità che possono riguardare la definizione di obiettivi, la leadership, la gestione delle attività, il time management, la comunicazione, la conoscenza reciproca. La possibilità di ricorrere alle diverse metafore verrà valutata dal nostro staff che proporrà esperienze che siano allineate agli obiettivi del percorso. Assicuriamo esperienze che abbiano valore formativo e che riescano ad incentivare un apprendimento attraverso la sperimentazione attiva.

Quale metafora scegliere?



La scelta della metafora è legata agli obiettivi e ai partecipanti. Ogni metafora sarà scelta in base ad aspetti specifici di miglioramento personale e di Team. Verranno tenute presenti e rispettate le attitudini e preferenze dei partecipanti considerando  la piacevolezza e divertimento nel vivere l’esperienza. Una condizione per il successo dell’esperienza è l’adesione volontaria dei partecipanti, che assicura maggiore motivazione e coinvolgimento.

In che modo la metafora può risultare uno strumento di apprendimento?



La metafora può risultare uno strumento di apprendimento grazie al forte potere evocativo che possiede: le metafore che noi proponiamo sono state studiate per garantire attinenza e trasferibilità degli apprendimenti in ambito lavorativo.
Le soluzioni che proponiamo vengono costruite e studiate ad hoc per lavorare in modo specifico sugli obiettivi di miglioramento del percorso. Questo aspetto viene incentivato dal fatto che le esperienze proposte spingono i partecipanti ad uscire dalla propria zona di comfort e attivarsi personalmente per trovare soluzioni innovative.

Perché ricorrere alla formazione esperienziale piuttosto che alla formazione in aula?



Formazione esperienziale e formazione in aula sono da noi viste come complementari: la formazione esperienziale si propone come completamento di sessioni di formazione in aula, spingendosi verso un coinvolgimento olistico della persona.

Principio fondamentale della formazione esperienziale è proprio la convinzione che l’apprendimento sia più effettivo se avviene con un coinvolgimento totale della persona, in termini cognitivi, fisici, emozionali e sensoriali. Le differenti metafore permettono momenti di formazione esperienziale come occasione per sedimentare maggiormente quanto trattato durante il percorso in aula.

Qual è il legame tra apprendimento e zona di comfort?



La zona di comfort è costituita da abitudini confortanti, routine,  e meccanismi mentali e comportamentali che ci permettono di sentirci sicuri e di avere il controllo della situazione. Uscire dalla zona di comfort significa sperimentare l’ignoto, situazioni e soluzioni nuove, attuando strategie che richiedono un’innovativa combinazione di risorse, conoscenze, capacità e competenze, generando apprendimento significativo perché vissuto e testato in prima persona dai partecipanti.

Com'è possibile rinforzare l'apprendimento?



È possibile rinforzare ulteriormente l’apprendimento con follow-up e sessioni individuali di coaching che riprendono le aree di miglioramento individuate e le approfondiscano anche attraverso l’utilizzo di specifici strumenti e incentivi ad intraprendere percorsi di cambiamento individuali e di Team.

Cosa rimane ai partecipanti e all’azienda?



I programmi da noi proposti hanno per obiettivi specifici il miglioramento individuale e di Team in termini di comunicazione, capacità di cooperare in modo sinergico, capacità di definire obiettivi di sviluppo ed efficacia nella organizzazione e gestione delle attività. Queste aree verranno approfondite attraverso la sperimentazione attiva e attraverso specifici strumenti. Gli apprendimenti sviluppati e gli strumenti forniti potranno essere stimolo quotidiano di miglioramento a livello individuale e di Team, e diverranno patrimonio dei partecipanti e di quanti saranno positivamente influenzati e “contaminati” dai cambiamenti messi in atto.

Com’è possibile rendere effettivo l’apprendimento?



Le attività proposte permettono ai partecipanti di vivere esperienze coinvolgenti che riproducono dinamiche vissute in azienda fuori dalla zona di comfort abituale. A termine dell’attività, il momento di riflessione permette ai partecipanti di individuare quei collegamenti con il lavoro quotidiano che ancoreranno l’esperienza ad obiettivi di sviluppo e miglioramento personale e di Team. È proprio la fase di riflessione condivisa a dare sostanza all’apprendimento e ad andare oltre la semplice dimensione ludica.

Qual è la garanzia di un effettivo miglioramento attraverso la formazione esperienziale?



Ciò che Metacomunicazione può garantire è il proporre esperienze formative costruite ad hoc e significative, che permettono l’emersione di aree di miglioramento individuali e di Team, e il fornire degli strumenti che incentivano ad adottare nuovi approcci per affrontare le sfide quotidiane. La garanzia di un effettivo miglioramento dipende anche dall’impegno che i partecipanti mettono nell’implementare gli strumenti che ritengono più idonei e appropriati per il loro miglioramento professionale e personale. Il cambiamento è un percorso che tutti individualmente devono intraprendere con volontà e determinazione, e sarà proprio questo a garantire l’efficacia del corso nonché un effettivo miglioramento del lavoro individuale e di Team.

Quanto costa la formazione esperienziale?



L’investimento in formazione esperienziale è vantaggioso rispetto ad altre metodologie formative esclusivamente teoriche. Il coinvolgimento delle persone è concreto e in attività pratiche, facilmente osservabili e verificabili. Le spese di formazione possono essere finanziate attraverso i Fondi Interprofessionali o altri fondi dedicati alla formazione.

11

06

07

08

09

10

Perché ricorrere al Coaching?

Il Coaching permette di seguire un percorso di sviluppo e potenziamento personale e professionale che, attraverso una maggiore consapevolezza di sé, aiuta ad un miglior utilizzo delle risorse personali per il raggiungimento di specifici obiettivi. Il Coaching fornisce un forte stimolo per un miglioramento continuo e per riuscire a gestire efficacemente il cambiamento che viviamo quotidianamente a livello professionale e personale.

Chi può intraprendere un percorso di Coaching?

Il Coaching è adatto a chiunque senta la necessità di farsi accompagnare in un percorso di sviluppo professionale e personale. Nello specifico è indicato per chi sente la necessità di chiarire la propria posizione e i propri piani di sviluppo, colmando il gap tra la situazione di oggi e l'obiettivo desiderato.

Che vantaggi da il Coaching?

Il Coaching permette di sviluppare specifici strumenti di analisi della propria performance e di miglioramento continuo. La valenza formativa del Coaching è molto alta, e può essere facilmente trasferibile anche ai propri collaboratori. Questo aspetto può innescare processi di miglioramento continuo sia a livello individuale che a livello organizzativo.

È possibile strutturare un percorso di sviluppo che preveda anche la formazione e/o la formazione esperienziale?

Certo. Il Coaching può essere inserito in programmi di sviluppo organizzativo che comprendono sia percorsi formativi che Coaching. Il Coaching può infatti, a livello individuale, approfondire tematiche che i singoli partecipanti ritengono più importanti e fondamentali per il proprio sviluppo personale e professionale.

Esistono condizioni specifiche per poter partecipare a programmi di Coaching?

L’unica condizione richiesta è la volontarietà di intraprendere il percorso di Coaching. La base per il successo del Coaching stesso è un'adesione volontaria e un grande coinvolgimento individuale.

Che risultati produce il Coaching?

Il Coaching è una metodologia fortemente orientata alla definizione di obiettivi chiari e specifici e quindi con un marcato orientamento ai risultati. Questa specifica caratteristica del Coaching incentiva il coachee ad individuare aree di miglioramento sensibili e ad attuare strategie di cambiamento concreto e mirato. I risultati dipenderanno pertanto in larga parte dall’ambizione e dal desiderio di cambiamento che il coachee stesso riuscirà ad individuare per il suo sviluppo personale e professionale.

Esistono requisiti specifici per intraprendere un percorso di Bilancio di Competenze?

Data la caratteristica dello strumento, l’autoanalisi e l’autovalutazione, requisito fondamentale per l’erogazione del Bilancio di Competenze è l’adesione volontaria del beneficiario nel percorso.
Le aree di analisi possono infatti toccare aspetti profondi e personali del beneficiario, pertanto la disponibilità e apertura nei confronti dello strumento è condizione necessaria per il buon esito del percorso di Bilancio.

Quanto dura il Bilancio di Competenze?



Il processo di analisi del Bilancio di Competenze ha una durata di circa 15 ore e comprende: la presentazione del Bilancio e dei relativi strumenti per guidare l’autoanalisi, i colloqui individuali per il supporto e affinamento dell’autoanalisi e del lavoro individuale che costituisce la fase più cospicua del percorso.

Coaching

Bilancio di Competenze

01

02

03

04

05

06

01

02

© MetaComunicAzione S.A.S.

  • Wix Facebook page